ClasseMotori

ClasseMotori

La constatazione amichevole è una prassi secondo la quale le due parti coinvolte in un sinistro, purchè questo non sia avvenuto con un ciclomotore, firmano il cosiddetto CID, sigla che sta ad indicare la Convenzione Indennizzo Diretto. 
Si tratta, in sostanza, di un modo senza dubbio più semplice e veloce con il quale entrambe le parti possono richiedere, ognuno alla propria compagnia assicurativa, l'indennizzo dei danni relativi al sinistro, qualora non si siano riscontrati gravi danni alle persone e ci sia pieno accordo sulla dinamica dell'incidente. 
Nel caso in cui le due parti coinvolte nel sinistro si accordano per la stesura della constatazione amichevole, bisogna procedere alla compilazione, in ogni sua parte, del CID, detto più comunemente modulo blu. 
Molte persone tengono sempre a bordo questo documento, anche se ciò non risulta essere obbligatorio. 
Qualora nessuno dei due conducenti coinvolti nell'incidente disponga del modulo blu, occorrerà procedere alla stesura di un documento volto a sostituire quest'ultimo, all'interno del quale dovrà essere descritto il sinistro in maniera particolarmente dettagliata. 
Tale documento, dunque, dovrà riportare al proprio interno innanzitutto giorno, ora e luogo esatto dell'incidente; queste informazioni preliminari, poi, dovranno esser seguite dall'identificazione dell'assicurato, mediante la precisazione di nome, cognome e indirizzo, e dal numero di patente di quest'ultimo, con relativa scadenza di validità. 
Altre informazioni che non devono mancare all'interno di questo documento sono il numero di polizza, gli estremi dei veicoli coinvolti, le generalità e il numero di patente dell'altro conducente coinvolto, oltre ai dati identificativi di eventuali persone danneggiate; bisognerà, inoltre, riportare l'entità dei danni verificatisi, siano essi relativi a cose o a persone, l'identificazione di eventuali testimoni o delle forze dell'ordine intervenute e, per concludere, sarà necessaria una descrizione particolareggiata della dinamica del sinistro. 
Ciascuna delle parti coinvolte nell'incidente, infine, dovrà consegnare una copia della constatazione amichevole, ovviamente firmata da entrambi i conducenti, alla propria compagnia assicurativa entro i tre giorni successivi al sinistro al fine di poter ottenere in tempi brevi il rimborso relativo ai danni subiti a seguito di quest'ultimo.

 

Read more

L'assicurazione auto è diventata, nel periodo non particolarmente prospero che ci troviamo a vivere, un onere piuttosto pesante, che grava sul bilancio familiare a tal punto che spesso ci si domanda se non sia possibile riuscire a risparmiare qualcosina su di essa. 
In tempi di crisi, si sa, spesso si riescono a trovare piccoli espedienti che ci aiutano a tagliare un pò di spese e, al contrario di quanto si possa pensare, è possibile risparmiare qualcosina anche sulla RCA. 
Il primo consiglio da seguire se si vuole ridurre il prezzo pagato per l'assicurazione auto è senza dubbio quello di muoversi con anticipo. Prima di rinnovare la polizza con la propria compagnia che, evidentemente, ha un prezzo che non ci soddisfa, sarebbe opportuno richiedere diversi preventivi ad altre compagnie concorrenti, confrontandoli e valutando quelli più convenienti. E' bene sapere che questi preventivi, siano stati essi calcolati online o presso la sede di una compagnia assicurativa tradizionale, hanno una validità di 60 giorni, e che, durante quest'arco di tempo, essi non possono essere modificati, nè tantomeno maggiorati. 
Un'altra importante possibilità di risparmio è costituita dal decreto legislativo n. 40 del 2007, meglio conosciuto come Legge Bersani; questa legge prevede, infatti, che, in caso di acquisto di un'automobile, nuova o usata che sia, e, di conseguenza, di stipula di una nuova assicurazione auto, la classe di merito a cui quest'ultima dovrà fare riferimento è quella più favorevole applicata già ad un'altra macchina di proprietà dell'assicurato o, eventualmente, di un altro membro del nucleo familiare dello stesso. 
Vi è, inoltre, un piccolo stratagemma che consente di risparmiare qualcosina sull'RCA, o, perlomeno, di evitare che il premio diventi più alto. Non tutti sanno, infatti, che qualora si è riconosciuti responsabili di un sinistro, è possibile evitare l'applicazione del cosiddetto malus; quest'ultimo, bisogna precisarlo, consiste nell'aumento delle classi di merito che deriva dall'aver causato un incidente e, di conseguenza, nella crescita del prezzo dell'assicurazione. Per evitare il malus, quindi, si può rimborsare personalmente il costo del sinistro direttamente alla compagnia. 
Infine, un ultimo escamotage per ridurre il prezzo della RCA consiste nello stipulare assicurazioni che siano il più personalizzate possibile. In questo modo, infatti, è possibile ottenere sconti notevoli, soprattutto nei casi in cui si stipula una polizza asserendo di essere il conducente esclusivo dell'automobile interessata o, in alternativa, scegliendo la formula Guida Esperta, con la quale si dichiara che la vettura verrà guidata solo da persone che superano una determinata età. 
Questi sono solo alcuni consigli che possono consentire di ottenere un risparmio sull'assicurazione auto che, pur se non eccessivamente sostanzioso, di certo non guasta. 
In conclusione occorre sempre valutare attentamente se questi suggerimenti possono essere applicati al proprio caso, senza che si vadano a penalizzare particolari esigenze di cui non si può fare a meno.

 

Read more

Kia Picanto. La nostra prova

Martedì, Giugno 11, 2013 13:39

Kia è un marchio coreano che sta cercando di guadagnarsi fette di mercato sempre più ampie anche in Europa, dove però ancora non riesce a imporsi come meriterebbe per la qualità delle sue vetture; le auto Kia sono affidabili e performanti e i modelli portati nel Vecchio Continente e in Italia possono competere con quelli dei grandi costruttori europei. Vediamo la prova su strada di alcuni dei modelli Kia del mercato italiano.

La Picanto è la piccolina di casa Kia, che nonostante sia stata pensata per la città non disdegna di mostrare anche qualche muscolo quando necessario.
Sedendosi alla guida di questa vettura si rimane particolarmente sorpresi dallo spazio disponibile nell'abitacolo, dove i volumi sono stati studiati perfettamente; il conducente ha buona capacità di movimento e di accesso alle strumentazioni e i sedili si presentano abbastanza confortevoli.
Le manovre in città sono particolarmente agevoli date le dimensioni, ma la Picanto sa comportarsi bene anche quando può prendere un minimo di velocità in più nei percorsi extra urbani grazie anche alle sospensioni abbastanza morbide, nonostante l'insonorizzazione non sia delle migliori.
Nonostante sia una vettura di piccole dimensioni, la tenuta di strada è molto buona e lo sterzo risponde in maniera pronta alle sollecitazioni, così come il sistema di trasmissione, fluido e brillante grazie anche alla frizione morbida e molto leggera.
Le dimensioni della Picanto sono realmente contenute dal momento che in lunghezza misura 3,60 metri, in larghezza 1,60 metri ed è alta 1,48 metri.
C'è un'unica cilindrata possibile per la Picanto, che la 1.0 mentre sono disponibili due diverse potenze, 68 o 69 cavalli a seconda che si scelga la carburazione a benzina o be fuel; gli allestimenti stilistici, a seconda delle dotazioni di serie, sono due (City e Cool). Per quanto riguarda i consumi sono piuttosto bassi e si va dai 4,1 litri ogni 100 km fino a un massimo di 4,4 litri ogni 100 km.
I prezzi per la Picanto partono da 9.800 euro e arrivano fino a 12.700 euro. 

 

Read more

Kia Sorento. Prova su Strada

Martedì, Giugno 11, 2013 13:29

Quando si parla della Sorento la si può definire un'ammiraglia dei suv; si tratta infatti di un maxi suv dalle dimensioni imponenti come ormai se ne vedono pochi in giro a causa di una lieve flessione del mercato negli ultimi tempi. Tuttavia la Kia crede molto in questo veicolo e continua a migliorarne le caratteristiche con aggiornamenti mirati e studiati fin nei minimi dettagli per arrivare quasi a un grado di perfezione.

Salendo a bordo della Sorento la prima impressione è indubbiamente positiva: gli spazi interni sono molto ampi e confortevoli, anche se si viaggia a pieno carico sistemando i passeggeri sui due sedili di coda; il conducente ha a disposizione ampio spazio per muoversi in libertà, le poltrone sono avvolgenti e tutte le strumentazioni sono facilmente accessibili anche durante la guida; l'auto stata dotata dei più sofisticati sistemi tecnologici, come le telecamere per la visione posteriore e i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, che facilitano le manovre anche in città e inoltre nella versione più completa è disponibile di serie anche il sistema di ventilazione delle poltrone, che riduce notevomente a sensazione di calore data dai rivestimenti in pelle. Nonostante si tratti di un suv così imponente, la discesa è agevole grazie alle giuste proporzioni d'altezza della pedana.
Mettendosi poi alla guida, ci si accorge subito della mole della Sorento, ma lo sterzo ha un'ottima risposta sia in curva che nei percorsi rettilinei, anche se l'assetto particolarmente rigido e la trazione integrale permanente, non la rendono particolarmente adatta per affrontare percorsi abbastanza sconnessi; in città non è il massimo della comodità, soprattutto quando deve attraversare strade strette e far manovra in spazi angusti, ma le dotazioni tecnologiche a supporto agevolano parecchio il compito del conducente; il cambio automatico è molto ben costruito e le marce vengono inserite e disinserite senza farsi sentire eccessivamente, così come l'ESP non si fa sentire nonostante la vettura sia ben controllata.
Il motore non è brillante, ma questa vettura non è fatta per gli scatti ma piuttosto per viaggiare a velocità costante, garantendo relax e sicurezza.
Le dimensioni sono imponenti, la Sorrento è lunga ben 4,69 metri, larga 1,89 metri, alta 1,71 metri, con un passo di 2,7 metri.
Sono previste solo motorizzazioni diesel: una 2.0 di cilindrata da 150 cavalli e una 2.2 di cilindrata da 197 cavalli, disponibili per rispettivamente per la versione Class (per cui è proposta anche la sola trazione anteriore) e per la Platinum; i consumi oscillano tra gli 11 litri ogni 100 km nei tratti urbani e i 18 litri ogni 100 km per i tratti extra urbani.
Il costo della Kia Sorento parte da una base di 31.000 euro per la versione standard, per arrivare ai 41.000 euro della versione più completa. 

Read more

Presentata in occasione del 50° anniversario della fondazione della mitica casa automobilistica di Sant'Agata Bolognese, la Lamborghini Veneno è riuscita a monopolizzare l'attenzione dei visitatori dell'edizione 2013 del Salone Automobilistico di Ginevra.


I numeri dell'ultima creazione della casa del "Toro" raccontano di una vettura realmente fuori dall'ordinario. La Lamborghini Veneno, nome ripreso come tradizione da un famoso toro da corrida che tradotto in italiano significa "veleno", verrà prodotta in soli tre esemplari tutti già venduti ad altrettanti facoltosi clienti. Quanto facoltosi? Molto. Basti pensare che il prezzo di listino della vettura è di 3 milioni e 600mila euro (IVA compresa). In onore alla bandiera italiana i tre esemplari avranno rispettivamente colore: verde, bianco e rosso.

Pur trattandosi di un modello super sportivo pensato per dare il massimo in pista, la Lamborghini Veneno è perfettamente omologata per un suo utilizzo su strada. Oltre che dal prestigio di possedere una vettura Lamborghini in edizione super limitata, l'elevato costo della Veneno è giustificato dall'estrema ricercatezza delle soluzioni adottate oltre che dall'elevata tecnologia unita ad un lusso raffinato che di norma caratterizza tutti i veicoli prodotti dalla casa bolognese.

Grazie al propulsore V12 da 6,5l, la Lamborghini Veneno è in grado di erogare una potenza di ben 750CV che consente un'accelerazione che possiamo ritrovare solo nelle vetture di Formula 1: da 0 a 100 Km/h in soli 2,8 sec con una velocità di punta di 355 Km/h. Numeri che permettono alla Veneno di essere classificate tra le auto stradali più veloci sul pianeta. Come anticipato, ogni dettaglio è stato studiato fin nei minimi particolari per rendere l'esperienza di guida realmente unica. L'intero design è stato pensato funzionalmente alla stabilità della vettura alle alte velocità. Per garantire il massimo carico aerodinamico, la Lamborghini Veneno monta un super alettone nella parte posteriore che contribuisce a definire la sua geometria caratterizzata da linee molto decise e nette in pieno stile Lamborghini.

L'intera carrozzeria è realizzata in CFRP (Polimeri rinforzati in fibra di carbonio) mentre nella realizzazione dell'abitacolo verranno utilizzati materiali innovativi protetti da brevetto industriale. Sulla Veneno troverà posto un cambio ISR a sette rapporti che consentirà di scegliere tra cinque diverse modalità di guida che spaziano dal percorso cittadino fino all'utilizzo in pista dove la nuova Lamborghini potrà sprigionare tutto il suo "veleno" dando libero sfogo a tutta la sua potenza.

 

Read more

Sono ormai trascorsi 50 anni da quando uno dei più celebri modelli Porsche, la 911, si fece conoscere al mondo nel 1963 e ora, per rendere onore a un pezzo di storia dell'automobilismo mondiale, la casa tedesca presenterà al Salone di Francoforte una nuova 911, in un'esclusiva edizione celebrativa, di cui saranno prodotti soli 1963 esemplari.

Il nome completo di questo nuovo gioiello marcato Porsche sarà 911 50 Years Edition che, oltre a presentare la classica sinuosità dei modelli che l'hanno preceduta, mescola una fisionomia quasi del tutto aderente a quelli della Carrera S, con una carrozzeria che, soprattutto per quanto riguarda i passaruota montati nella parte posteriore, che risultano maggiormente allargati, così come nella Carrera 4. Decisamente particolare sarà il cofano che, oltre all'immancabile stemma commemorativo raffigurante il numero "50", presenterà ben nove listelli, interamente cromati. Inoltre le ruote avranno dei cerchi in lega da 20 pollici, che richiameranno quelli della 911 del 1963. Gli anni '60 saranno poi ripresi anche dalla tipologia dei tessuti scelti per rivestire gli interni dell'auto, che faranno sfoggio di loghi facenti riferimento all'anniversario, cuciti sui poggiatesta, oltre che dal quadro strumenti. Gli specchietti retrovisori inoltre saranno del tutto esclusivi, marcati SportDesign, mentre il cambio, ideato da Porsche Exclusive appositamente per questo modello, sarà interamente ricoperto da alluminio spazzolato. La parte frontale della carrozzeria sarà caratterizzata da prese d'aria poste esattamente al di sotto delle luci al led utili per la guida diurna, prese interamente cromate, ai cui lati saranno posizionati dei gruppi ottici con sistema adattativo. Cromature caratterizzeranno inoltre anche i contorni dei finestrini e la parte posteriore dove, nella parte inferiore, due profili riuniranno i gruppi ottici, posti esattamente al di sopra della targa commemorativa.

 

porsche-911-50-anni


Per quanto riguarda invece l'equipaggiamento di questi 1963 esemplari di "Noveunouno", sarà disponibile il PTV, ovvero il Porsche Torque Vectoring, che per i meno esperti è un sistema di ripartizione, agente sull'asse posteriore dell''auto, che presenterà un differenziale con slittamento limitato. Inoltre, per poter compensare al meglio l'aumentata larghezza scelta per la carreggiata, sarà montato anche un sistema "PASM", ovvero un Porsche Active Suspension Management, per garantire all'auto una dinamica di categoria superiore in particolar modo in curva. Qualità e soprattutto carattere sono rimasti gli stessi di 50 anni fa, come dimostra anche l'aggiunta di uno scarico dall'animo decisamente sportivo. I tempi però sono ormai cambiati e l'interno dell'abitacolo non può far a meno di sottolineare le 5 decadi trascorse. In particolare il pilota avrà a disposizione un display integrato a colori e interamente touch, dalla grandezza di 4.6 pollici, un climatizzatore automatico e un sistema Porsche Communication Management, che comprende sia navigatore di ultima generazione che sistema satellitare integrato. Senza dimenticare inoltre che le strade percorse saranno illuminate da splendidi fari Bi-Xenon.

Al di sotto del cofano posteriore sarà custodito un motore boxer da 3.8 litri con una potenza di 400 cavalli. Alla guida sarà possibile raggiungere i 100 km/h da 0 in soli 4.5 secondi, con due decimi di secondo in meno se il cambio installato è il PDK, con una velocità massimale raggiungibile pari a 300 km/h. I consumi previsti sono di 12.6 km percorribili con un litro di carburante, mentre per quanto riguarda le emissioni scaturite, queste si attestano intorno ai 224 grammi per chilometro.

L'auto sarà mostrata pubblicamente a partire dal prossimo 12 settembre, quando aprirà i battenti il Salone di Francoforte 2013, che si concluderà il 22 settembre. Al momento i costi restano ignoti, che è chiaro però non saranno alla portata dei più comuni portafogli, essendo questa un'edizione limitata. Ciò che è certo però è che la scelta dei colori per la carrozzeria sarà limitata a due varietà cromatiche, entrambe tendenti a tonalità alquanto scure, un grigio Geyser e un grigio Grafite.

 

Read more

La Bmw si avvicina, a piccoli passi, al futuro dei trasporti privati, mirando, attraverso il suo ultimo prototipo, a un'esperienza di guida quasi interamente automatizzata, in grado di rendere quasi interamente il pilota uno degli altri passeggeri. Per essere chiari dunque è necessario precisare che l'idea di un'auto che sia in grado di replicare esattamente le capacità di guida di uomo, insieme con la sua possibilità di discernere in caso di situazioni particolari o addirittura estreme, è al momento pura fantascienza. Restando con i piedi ben ancorati a terra invece la celebre casa automobilistica tedesca sta tentando i portare sul mercato del prossimo futuro una macchina decisamente più intelligente delle sue precedenti, ma che si limiti a sollevare l'uomo da alcune responsabilità.

Il primo tentativo andato a buon fine degli ingegneri della Bmw risale al 2011, quando un prototipo fu condotto sull'A9, un'autostrada tedesca a più corsie, percorrendo il percorso tra Monaco e Norimberga senza alcun intervento umano. Di certo però lo step successivo è stato ancor di più sorprendente, dal momento che l'auto è riuscita a svolgere in totale autonomia un cambio autostradale una volta giunto a un incrocio. Per l'esattezza il prototipo riesce a passare dall'A9 all'A92, nel tratto Monaco nord.

Alla base di tale progetto ci sono di certo l'Assistente per l'arresto del veicolo in caso d'emergenza e il Bmw Track Trainer. Quest'ultimo consente all'auto di eseguire in maniera automatizzata un intero giro completo di un circuito da corsa, restando, qualora il pilota non fosse più in grado di riprendere il controllo del mezzo, su quella che è definita la linea ideale. Strettamente connesso a questo sistema è poi l'Assistente, che si occupa in seguito di interrompere il moto del mezzo, conducendo l'auto in una parte della pista reputata sicura.

Ciò che al momento però pospone ampiamente la messa sul mercato di auto di questo genere è la necessità di rivoluzionare non soltanto la concezione dell'auto ma l'intero mondo che la vede protagonista. Un chiaro esempio è quello delle mappe che, se anche oggi risultano molto più dettagliate rispetto al passato, non sono minimamente adeguate per una vera e propria guida automatizzata. L'auto infatti avrà bisogno di conoscere molti più dettagli delle strade che dovrà percorrere, come ad esempio ogni minima pendenza, la quale non provoca grandi fastidi nell'uomo, che è in grado di reagire in maniera naturale, ma che dev'essere preventivamente elaborata dal sistema dell'auto.

 

bmw-auto-che-si-guida-da-sola



Dunque, se anche la strada intrapresa è decisamente intrigante e affascinante, si tratta di un percorso sul quale nessuno, oltre agli sviluppatori, potrà mettere piede per molti anni ancora. Chi però non ha la pazienza di attendere così tanto per incontrare la propria auto del futuro, potrà di certo rifarsi, restando nel campo della mobilità assistita, con l'avanzata tecnologia offerta da Bmw a tutti i suoi clienti. Si sta parlando di "ConnectedDrive" che, volendo tradurre letteralmente, vuol dire guidare connessi. Nulla di più vero. La casa tedesca infatti è molto attenta al concetto di connessione, mirando alla creazione di una vera e propria rete virtuale che avvicini il sistema intero della vettura al mondo virtuale, oggi più che mai reale e frequentato, e al mondo esterno, vero e con non meno stimoli del web. Proprio per questo, a partire dal prossimo luglio, ogni auto marcata Bmw avrà al suo intero una Sim, ovvero una normale scheda telefonica, non removibile. Giovani, ma non solo, potranno così ascoltare ben 12 milioni di file audio, avere accesso a circa 300 canali d'informazione e governare in alcuni tratti interni la propria vettura soltanto con la voce. Se questo è il futuro la Germania è di certo nettamente in anticipo sui tempi.

 

Read more

Il test drive della nuova Honda Civic ha evidenziato caratteristiche innovative e interessanti. 
Siamo di fronte ha una vettura arricchita da un motore 1.6 i-DTEC da 120 cavalli e 300 Nm di coppia che si adatta in modo perfetto al mercato europeo con prestazioni eccellenti abbinate a consumi ridotti.
Questo modello a gasolio, da lungo atteso dai fedeli di Honda, non ha deluso le aspettative con un propulsore che fa quanto dice e promette. Da non dimenticare poi il cambio a sei marce ben più leggero rispetto a quello del precedente modello 2.2.
Le altre peculiarità della nuova Honda Civic sono il modernissimo sistema di raffreddamento del motore, l'innovativo alternatore che attiva anche lo Start&Stop, il cruise control adattivo, il controllo di stabilità, il sistema di frenata a riduzione di impatto e il bagagliaio ampio con la possibilità del ripiegamento dei sedili posteriore per avere ancora più spazio.
I prezzi vanno partono dai 21.750 euro del modello i-DTEC Comfort e arrivano ai 27.100 euro della versione top 1.56 i-DTEC Sport HDD Sat Navi.

La prova su strada, secondo i tecnici che l'hanno effettuata, ha evidenziato, subito al primo impatto, la verità dei pregi elencati dalla casa giapponese.
La guida è risultata piacevole ed il motore si è dimostrato veramente silenzioso. 
Infatti sia percorrendo i tratti urbani come quelli al di fuori della città si riscontra l'effettiva assenza di rumori.
Quindi abbiamo a che fare con un propulsore ovattato e impercettibile, ma nello stesso tempo brillante e prestante che non rimane indietro nelle rapide accelerazioni.
I consumi dichiarati dalla Casa, un po' troppo ottimistici, come del resto fanno tutti i gruppi automobilistici, sono abbastanza rispettati. La Casa nipponica presenta un consumo medio, nel percorso misto, di 3,6 litri ogni 100 km, però leggermente alzato dalle prove su strada che hanno avuto un riscontro di effettivi 4,5 litri, tuttavia un risultato essenzialmente positivo.
Il percorso su strada ha fatto poi rilevare la precisione di casa Honda con la sua impeccabile tecnologia che si manifesta da subito, sin dai primi chilometri, con delle componenti assemblate in maniera perfetta e di notevole qualità.
La guida si è verificata comoda con i comandi molto a portata di mano e di facile accesso ed una ottima ergonomia che, in maniera eccellente, rapporta l'uomo la macchina e l'ambiente.
Lo sterzo è stato sperimentato di grande funzionalità come pure il sistema frenante che è sembrato ineccepibile.
Anche su autostrada ha fatto bella mostra di sé sfoderando doti da esemplare stradista.
Il giudizio complessivo è quindi senz'altro positivo per la nuova Honda Civic 1600 turbodiesel, una vettura che ha fatto provare nel test drive splendide sensazioni ed una guida molto confortevole. Tutto ciò ha dato un ulteriore convincimento sulle qualità del nuovo propulsore Honda dove emergono brillantezza e dinamicità coniugate insieme a morbidezza e bassi consumi.

 

Read more

Accessori per personalizzare la tua Auto

Martedì, Novembre 19, 2013 14:53
in Tuning

Personalizzare la propria auto è il sogno di tantissimi automobilisti. Il problema sta nel scegliere gli accessori migliori, con un ottimo rapporto qualità prezzo, e che siano stati provati anche da altri utenti, che ne hanno avuta un’ottima impressione. 

In queste righe proveremo a riassumere gli accessori Tuning che hanno avuto un’enorme vendita e che sono sinonimi di garanzia e qualità.

Ad esempio, nell’ambito delle sospensioni, interessante è l’assetto a ghiera KW Clubsport. Questi ammortizzatori sono stati sviluppati per Toyota GT86, Scion FR-S e Subaru BR-Z. Il Clubsport 2-vie ha in dotazione molle racing speciali, con un aspetto ancora più sportivo rispetto alla categoria.

La taratura in estensione e comprensione, misurabile rispettivamente in 16 scatti e 12 scatti, è regolabile tramite il nuovissimo sistema a click con rotella. Con questo tipo di assetto, è stato dimostrato che l’altezza del veicolo si può spostare dai venti mm ai cinquanta mm.

Nello specifico della Toyota GT86, con il kit KW Clubsport 2-vie è regolabile anche il camber, ma solo sull’assetto anteriore. Questo perché nel retrotreno la regolazione del cuscinetto superiore è già impostata perfettamente di default. Con queste sospensioni non solo sono garantite performance eccezionali, ma anche un’ottima risposta nelle condizioni di guida sportiva. A seconda delle configurazioni specifiche, il prezzo del kit KW Clubsport 2-vie varia dai 1700 ai 2700 euro.

Nel mondo del Tuning, inoltre, va molto di moda il cosiddetto Car Wrapping, ovvero decorare l’auto con specifiche pellicole adesive. Tra le aziende che si occupano del wrap it, non poteva mancare uno dei marchi di punta nel mondo del Tuning, la Simoni Racing.
Nel suo ampio listino dedicato al car wrapping, la Simoni Racing offre le più disparate soluzioni, dalle coperture parziali a quelle integrali, per superfici sia piani, sia sagomate, sia bombate. Gli adesivi sono dotati di micro canali che permettono una omogenea fuori uscita dell’aria, che equivale ad un’aderenza perfetta sulla carrozzeria, senza pericoli di grinze, bolle o imperfezioni varie. Il tutto riducendo al minimo i tempi di lavoro e adesione. In caso di ripensamenti, gli adesivi sono riposizionabili: diventano non rimovibili solo quando si esercita su di essi una pressione superiore.
Le pellicole sono garantite contro i graffi, contro gli agenti atmosferici, contro danni da autolavaggio o incidente stradale. Laddove quest’ultimo caso sia già avvenuto, queste pellicole possono essere usate per coprire i danni (a patto che siano ammaccature di lieve entità), un po’ come si usava negli anni Ottanta con le toppe per jeans. Le pellicole Simoni Racing permettono di rinnovare il look della nostra auto, garantendo al nostro veicolo un valore di unicità. Gli adesivi sono disponibili sia in Carboon Look sia in Matt Black. Si consiglia nel momento dell’applicazione l’utilizzo di un phon da carrozziere.

Per quel che riguarda le ruote, dove ricordiamo il recente decreto legge ha di fatto liberalizzato la personalizzazione dei cerchi in lega, abbiamo diverse soluzioni, tutte di primissimo livello. 
Ad esempio la Rabanser Tuning, un marchio che vanta un’esperienza trentennale nel mondo delle auto, presenta Shoxx, una nuova accattivante ruota della linea Barracuda. L’area centrale del cerchio è molto più arretrata rispetto al canale esterno, e dalla stessa partono cinque razze doppie che raggiungono il bordo, come quasi a superarlo, dando un effetto visivo notevole. Appare così un ruota molto più grande di quanto non sia veramente, con un aggressività notevole, dovuta probabilmente anche all’evidente visibilità che concede all’impianto frenante. I cerchi in lega Barracuda Shoxx sono disponibili nelle finiture Matt-Black e Bronzo, per un prezzo di vendita che parte da 330 euro, che varia ovviamente in base alle misure e alle configurazioni richieste.

 

cerchi-in-lega-tuning-barracuda-shoxx


Concludendo sempre con i cerchi in lega, non si può non parlare del nuovissimo DOTZ Fast Fifteen, che vanta una forma dura e aggressiva, che combina i cinque fori centrali con linee rette dai contrasti pieni. Queste caratteristiche, unite alla forma concava del cerchio e alla linea asimmetrica, donano uno stile tanto elegante quanto imponente. Le versioni disponibili sono il nero opaco con interno diamantato e il Silver, anch’esso con interno diamantato.

Con questi accessori, lo stile e l'estetica della nostra auto ne gioveranno sicuramente, rendendoci orgogliosi del nostro veicolo.

 

Ti interesserà anche: Le ultime novità del Tuning

 

Read more

Qr Codes per salvarti la vita

Sabato, Giugno 29, 2013 14:40

E' notizia recente che, a cominciare da quest'anno, le nuove vetture verranno dotate di una particolare tecnologia capace di salvare la vita di automobilisti e passeggeri. Si tratta di un sistema in grado di trasmettere informazioni e dati verso tablet e smartphone, attraverso codici "QR" e etichette identificative a radiofrequenza, denominate "Rfid". In tal modo, viene fornita un'identità elettronica a diversi oggetti. 

La prima casa automobilistica a dotare le proprie vetture della tecnologia QR salva vita sarà la Mercedes Benz, al fine di facilitare gli interventi di soccorso, qualora si verificassero incidenti stradali. 
Finora, tale metodologia avveniristica è stata applicata nel settore logistico, industriale, energetico, ambientale, assistenziale. Da quest'anno i QR Codes consentiranno ai soccorritori di visualizzare sui dispositivi il prontuario di sicurezza del veicolo, che è, in sintesi, un "documento" identificativo provvisto di ogni caratteristica tecnica. 
In pratica, tale innovazione si basa su un metodo definito "Adac", in tedesco "Allgemeiner Deutscher Automobil-Club". Si tratta di un sistema il quale stabilisce che a bordo della vettura deve essere installata una copia strutturale dello schema, affinché i soccorritori possano essere in grado di consultarlo e smontare, in condizioni di sicurezza, un veicolo distrutto da un incidente. Tale metodo permette al personale medico, alle forze dell'ordine e ai vigili del fuoco di verificare in modo celere la posizione delle varie parti importanti dell'auto, quali serbatorio, airbag, batteria.
Poiché, in caso di incidente, ogni attimo diventa fondamentale per poter intervenire in tempo utile, diviene basilare reperire ogni tipo di informazione il prima possibile. Ad esempio, saper procedere in maniera esatta al taglio delle lamiere al fine di estrarre velocemente gli occupanti della vettura, è assolutamente operazione indispensabile per salvare la vita.
I QR code delle vetture, non appena vengono letti dal tablet o dallo smartphone, permettono quindi ai soccorritori di accedere allo schema dell'auto, senza creare danni quali autocombustione o innesco airbag. Le informazioni del veicolo vengono perciò lette senza che sia necessaria la collaborazione dell'automobilista; grazie all'utilizzo del QR code, il proprietario, in un momento critico quale è l'incidente, non deve più pensare a cercare, nella propria auto, il manuale di sicurezza. 

 

QQr-code-auto


La Daimler, che è la casa madre di Mercedes Benz, ha stabilito che la scelta della posizione dei QR code sulle vetture è fondamentale per semplificare l'accesso ai documenti salva vita. Per tale motivo, sono state selezionate due location strategiche: il tettuccio del lato opposto del veicolo e lo sportellino del carburante. Tali posizioni sono state preferite per due ragioni principali: possono essere raggiunte facilmente dagli operatori esterni e raramente possono essere danneggiate in maniera grave contemporaneamente nello stesso incidente. 
Tutti le nuove auto di casa Mercedes Benz verranno dotate dei QR code, con adesivi particolari. Inoltre, dietro richiesta, tale tecnologia potrà anche essere applicata sulle vetture già circolanti. 
Poiché i QR code sono uno strumento fondamentale per i soccorritori, la casa automobilistica Mercedes Benz ha preferito rinunciare al diritto di brevetto, anche per un altro motivo basilare: la sicurezza appartiene a tutti, marchi compresi. In questo modo, la casa tedesca si augura che anche gli altri produttori delle quattro ruote possano introdurre, sui propri modelli, tale tipo di innovazione tecnologica.
Lo smart tagging si sta rivelando un servizio utile e fondamentale per salvare la vita in caso di incidente automobilistico. Mercedes Benz, rinunciando al brevetto, ha voluto sensibilizzare il settore dell'automotive, al fine di rendere più efficace la sicurezza stradale.

 

Read more

script payclick

Stiamo utilizzando i Cookies per migliorare la tua esperienza online sul nostro sito. Continuando la navigazione, tu accetti l'utilizzo dei Cookies.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA SUI COOKIES DI CLICKADV SRL – VERSIONE 2015/01

Il presente sito Web, di proprietà di ClickADV srl, con sede legale in via Antiniana 2/A, 80078 Pozzuoli (NA), titolare del trattamento ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice Privacy”), utilizza i cookies e tecnologie analoghe. La presente informativa fornisce indicazioni su come sono utilizzati i cookies e su come possono essere controllati dall’utente.

L’utilizzo di questo sito Web (e di ogni altro sito gestito da noi) comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del ricorso ai cookies (e tecnologie analoghe) conformemente alla presente informativa. In particolare, si accetta l’uso dei cookies di analisi, pubblicità, marketing e profilazione, funzionalità per gli scopi di seguito descritti.
Se l’utente accetta i cookies di profilazione, come più oltre identificati, questi saranno aggiunti al proprio profilo già esistente nelle nostre banche dati, qualora l’utente abbia prestato il consenso ad attività di marketing e profilazione in occasione della sua adesione a una o più delle iniziative condotte dal nostro sito.
Qualora l’utente non intenda accettare l’uso dei cookies per finalità di analisi, pubblicità, profilazione, ha la possibilità di modificare l’impostazione del proprio browser secondo le modalità descritte nella sezione “Come controllare ed eliminare i cookies”.

Cosa sono i cookies
I cookies sono informazioni salvate sul disco fisso del terminale dell’utente e che sono inviate dal browser dell’utente a un Web server e che si riferiscono all’utilizzo della rete. Di conseguenza, permettono di conoscere i servizi, i siti frequentati e le opzioni che, navigando in rete, sono state manifestate. In altri termini, i cookies sono piccoli file, contenenti lettere e numeri, che vengono scaricati sul computer o dispositivo mobile dell’utente quando si visita un sito Web. I cookies vengono poi re-inviati al sito originario a ogni visita successiva, o a un altro sito Web che riconosce questi cookies. I cookies sono utili poiché consentono a un sito Web di riconoscere il dispositivo dell’utente.
Queste informazioni non sono, quindi, fornite spontaneamente e direttamente, ma lasciano traccia della navigazione in rete da parte dell'utente.
I cookies svolgono diverse funzioni e consentono di navigare tra le pagine in modo efficiente, ricordando le preferenze dell’utente e, più in generale, migliorando la sua esperienza. Possono anche contribuire a garantire che le pubblicità mostrate durante la navigazione siano di suo interesse e che le attività di marketing realizzate siano conformi alle sue preferenze, evitando iniziative promozionali sgradite o non in linea con le esigenze dell’utente.
Durante la navigazione su di un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookies che sono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (es.: immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. Possono esserci, quindi, sotto questo profilo:

  1. Cookies diretti, inviati direttamente da questo sito al dispositivo dell’utente
  2. Cookies di terze parti, provenienti da una terza parte ma inviati per nostro conto. Il presente sito usa i cookies di terze parti per agevolare l’analisi del nostro sito Web e del loro utilizzo, e per consentire pubblicità mirate (come descritto di seguito).

Inoltre, in funzione della finalità di utilizzazione dei cookies, questi si possono distinguere in:

  1. Cookies tecnici: sono utilizzati per permettere la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica o per erogare un servizio espressamente richiesto dall’utente. Non sono utilizzati per altre finalità. Nella categoria dei cookies tecnici, la cui utilizzazione non richiede il consenso dell’utente, si distinguono:
    1. Cookies di navigazione o di sessione: garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito Web (es.: per autenticarsi ed accedere alle aree riservate). L’uso questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
    2. Cookies analytics: sono utilizzati soltanto per raccogliere informazioni in forma aggregata, sul numero di utenti che visitano il sito e come lo visitano
    3. Cookies di funzionalità: permettono all’utente di navigare in base a una serie di criteri selezionati (es.: lingua, prodotti o servizi acquistati) per migliorare il servizio reso all’utente.
  2. Cookies di profilazione: sono volti a creare profili relativi all’utente e utilizzati per inviare messaggi promozionali mirati in funzione delle preferenze manifestate durante la sua navigazione in rete. Questi cookies sono utilizzabili per tali scopi soltanto con il consenso dell’utente.

Come sono utilizzati i cookies da questo sito
La tabella seguente riassume il modo in cui questo sito e le terzi parti utilizzano i cookies. Questi usi comprendono il ricorso ai cookies per:

  1. conoscere il numero totale di visitatori in modo continuativo oltre ai tipi di browser (ad es. Firefox, Safari o Internet Explorer) e sistemi operativi (ad es. Windows o Macintosh) utilizzati;
  2. monitorare le prestazioni del sito, incluso il modo in cui i visitatori lo utilizzano, nonché per migliorarne le funzionalità;
  3. personalizzare e migliorare l’esperienza utente on-line;
  4. consentire la profilazione dell’utente, per scopi promozionali mirati e personalizzati in funzione delle preferenze ed interessi manifestati in rete dall’utente, da nostra parte e di terze parti, sia su questo sito che al di fuori dello stesso.

Quali categorie di cookies utilizziamo e come possono essere gestiti dall’utente
I tipi di cookie utilizzati possono essere classificati in una delle categorie, di seguito riportate nella tabella seguente, che permette all’utente di prestare il proprio consenso o modificarlo (se precedentemente già espresso) per accettare i vari tipi di cookies:

Tipo di cookie

Finalità del cookie

Origine

Azione / Link

Cookie essenziali del sito web (di sessione e di navigazione)

Questi cookie sono essenziali per una corretta navigazione e per fruire delle funzioni del sito. Questi cookies non raccolgono informazioni personali utilizzabili a scopo di marketing, né memorizzano i siti visitati. L’uso questi cookies (che non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e sono automaticamente eliminati con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione d’identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.  Questa categoria di cookies non può essere disattivata.

 (cookie diretti)

 

Cookie di funzionalità

Questi cookies ci consentono di ricordare le scelte effettuate (come il nome utente, la lingua o la posizione geografica) e forniscono funzioni migliorate e personalizzate. Le informazioni raccolte da tali cookies possono essere rese anonime e non tengono traccia dell’attività di navigazione su altri siti web. Questa categoria di cookies non può essere disattivata.

 (cookie diretti)

 

Cookie analytics

Questi cookies, anche i cache cookies, sono impostati da Google Analytics, sono impiegati al fine di raccogliere informazioni sul modo in cui i visitatori utilizzano il sito, ivi compreso il numero di visitatori, i siti di provenienza e le pagine visitate sul nostro sito web. Utilizziamo queste informazioni per compilare rapporti e per migliorare il nostro sito web; questo ci consente, ad esempio, di conoscere eventuali errori rilevati dagli utenti e di assicurare loro una navigazione immediata, per trovare facilmente quello che cercano. In generale, questi cookie restano sul computer del visitatore fino a quando non vengono eliminati.

Google Analytics Google

privacy policy cookie

Cookie pubblicitari o di profilazione

Questi cookies sono utilizzati per raccogliere informazioni sui siti web e sulle singole pagine visitate dagli utenti, sia sul nostro sito che al di fuori dello stesso (il che potrebbe indicare, a titolo esemplificativo, interessi o altre caratteristiche degli utenti). Tali cookies sono utilizzati per fornire pubblicità e comunicazioni commerciali più pertinenti agli interessi dell’utente, profilandolo. Sono utilizzati, inoltre, per limitare il numero di volte in cui una pubblicità è mostrata e per misurare l’efficacia delle campagne pubblicitarie. Restano sul computer dell’utente fino alla loro eliminazione e fanno da promemoria dell’avvenuta visita del sito web. Inoltre, essi possono indicare se l’utente è arrivato sul nostro sito web attraverso un link pubblicitario.
Queste informazioni vengono condivise con altre organizzazioni come gli inserzionisti e i nostri appaltatori, i quali potrebbero utilizzarle unitamente alle informazioni relative alle modalità di fruizione di altri siti web dell’utente stesso, ad esempio individuando interessi e comportamenti comuni a diversi gruppi di utenti che visitano i nostri (e altri) siti web.

Clickadv s.r.l.

opt-out - opt-in

E' possibile che vengano installati altri cookie di profilazione di terze parte, puoi verificarli ed operare l'optout accedendo qui www.youronlinechoices.com/it

Tecnologie analoghe ai cookies
Come nel caso di molti siti web, utilizziamo tecnologie analoghe ai cookies, compresi gli oggetti condivisi locali (anche noti come “flash cookie”), l’analisi della cronologia del browser, le impronte digitali dei browser e i pixel tag (anche noti come “web beacon”). Queste tecnologie forniscono a noi e ai nostri fornitori informazioni su come il sito e il suo contenuto sono utilizzati dai visitatori, e ci consentono di identificare se il computer o il dispositivo ha visitato i nostri o altri siti in passato.
I nostri server raccolgono automaticamente l’indirizzo IP dell’utente; in questo modo, possiamo associare tale indirizzo al nome del dominio utente o a quello del suo Internet Provider. Potremmo anche raccogliere alcuni “dati clickstream” relativi all’utilizzo del sito. I dati clickstream includono, ad esempio, informazioni relative al computer o dispositivo utente, al browser e al sistema operativo e relative impostazioni, alla pagina di provenienza, alle pagine e ai contenuti visualizzati o cliccati durante la visita oltre ai tempi e alle modalità di tali operazioni, agli elementi scaricati, al sito visitato successivamente al nostro, e a qualsiasi termine di ricerca inserito su nostro sito o su un sito di reindirizzamento.

Come controllare o eliminare i cookies
L’utente ha il diritto di scegliere se accettare o meno i cookies. Nel seguito alcune informazioni su come esercitare tale diritto. Tuttavia, si ricorda che scegliendo di rifiutare i cookies, l’utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito e, se ha prestato consenso alla profilazione in altre occasioni, le comunicazioni che riceverà potrebbero essere poco pertinenti ai suoi interessi. Si evidenzia, inoltre, che se si sceglie di gestire le preferenze dei cookies, il nostro strumento di gestione dei cookies imposterà comunque un cookie tecnico sul dispositivo per consentirci di dare esecuzione alle preferenze dell’utente. L’eliminazione o la rimozione dei cookies dal dispositivo utente comporta anche la rimozione del cookie relativo alle preferenze; tali scelte dovranno, pertanto, essere nuovamente effettuate.
È possibile bloccare i cookie usando i link di selezione presenti nella tabella sopra riportata. In alternativa, è possibile modificare le impostazioni del browser affinché i cookies non possano essere memorizzati sul dispositivo. A tal fine, occorre seguire le istruzioni fornite dal browser (in genere si trovano nei menu “Aiuto”, “Strumenti o “Modifica”). La disattivazione di un cookie o di una categoria di cookies non li elimina dal browser. Pertanto, tale operazione dovrà essere effettuata direttamente nel browser.
Per ulteriori informazioni sui cookie, anche su come visualizzare quelli che sono stati impostati sul dispositivo, su come gestirli ed eliminarli, visitare www.allaboutcookies.org.

Cookie impostati precedentemente
Se l’utente ha disabilitato uno o più cookies, saremo comunque in grado di utilizzare le informazioni raccolte prima di tale disabilitazione effettuata mediante le preferenze. Tuttavia, a partire da tale momento, cesseremo di utilizzare i cookies disabilitati per raccogliere ulteriori informazioni.